Storia e arte

facciata chiesta

La parrocchia della Natività di Beata Vergine Maria di Padova – denominata in vari avvicendamenti anche Santa Maria Bambina e Natività di Maria Santissima –  nasce il 15 gennaio 1930, riunendo alcune aree dei quartieri S. Benedetto, Madonna del Carmine, Montà e Arcella.

Il primo elenco degli iscritti all’anagrafe parrocchiale, la cui compilazione è affidata alle ragazze della Gioventù Cattolica, conta 682 famiglie residenti nelle vie prossime alla curaria, inserita nell’edificio dell’attuale Scuola dell’Infanzia Natività.

La costruzione dell’attuale chiesa è affidata all’architetto Vincenzo Bonato: la prima pietra è posta il 20 settembre 1936. I lavori durano tre anni e l’inaugurazione si tiene il 1° aprile 1939.

Il corpo principale – una pianta rettangolare di circa 15 m di larghezza per 40 di lunghezza – è affiancato da un campanile rimasto incompiuto fino al 1998. Nel corso degli anni l’architettura è stata arricchita da opere d’arte di Luciano Soppelsa, Luigi Strazzabosco, Nerino Negri.

Il patronato viene aperto nel 1948 e l’attuale campo sportivo integrato nel 1952.

 

Opere d’arte

Se vuoi condividerci...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone